Microsoft Hololens per l’edilizia

Microosft e l’Università di Cambridge hanno lavorato assieme per ideare alcuni programmi atti ad utilizzare il visore Hololens nel mondo dell’edilizia.

Lo scorso novembre, Microsoft annunciò l’arrivo di SketchUp Viewer di Trimble per il suo visore per la realtà aumentata Hololens offrendo, dunque, nuovi strumenti per architetti e designer per i loro lavori professionali grazie alla possibilità di proiettare in 3D i progetti per poterli esplorare come se fossero reali. Da allora, Microsoft ha continuato a lavorare con Trimble ed assieme all’Università di Cambridge per esplorare nuovi modi di applicare la tecnologia della realtà mista al mondo della progettazione e dell’edilizia.

Un problema importante per l’industria dell’edilizia in genere è la manutenzione così come il processo di ispezione delle infrastrutture che può essere lungo, laborioso e soggetto ad errori umani. Grazie all’utilizzo di Hololens queste problematiche saranno superate perchè il visore di Microsoft consentirà di visionare tutto il materiale o i cantieri senza dover uscire dalla propria stanza grazie al programma di monitoraggio automatizzato del progresso delle costruzioni di una struttura. Un secondo aspetto su cui ha lavorato molto Microsoft e l’Università di Cambridge è un programma di rilevamento dei danni ad un ponte.

In futuro non sarà più necessario inviare squadre di tecnici per valutare la struttura di un ponte. Tutto quello che sarà necessario fare sarà di catturare le immagini della struttura che sarà poi rielaborata in un modello 3D che i tecnici potranno comodamente visionare attraverso gli Hololens senza dovercisi recare di persona. Questo sistema, oltre a risultare più efficiente e sicuro, risulta essere anche molto più economico.

Questi sono solo i primi approcci di come Hololens potrà aiutare le aziende dell’edilizia a semplificare ed a migliorare il loro lavoro. La casa di Redmond, inoltre, sta lavorando a stretto contatto con altri partner di diversi settori per introdurre il suo visore all’interno di questi ecosistemi lavorativi con l’obiettivo di semplificare e rendere più efficienti tutte le operazioni.

 

 

Tags:  

Rispondi